Da alcuni mesi stiamo assistendo ad un assiduo dibattito tra i sostenitori e i detrattori della didattica a distanza. Ma siamo sicuri che il problema stia nella scelta tra didattica in presenza (DIP) e didattica a distanza (DaD) o è il modello di insegnamento prevalente a non essere più adeguato ai tempi, indipendentemente dalle modalità di fruizione, in presenza o a distanza?
Ne hanno parlato alcuni esperti il 26 novembre 2020, nel convegno La didattica universale non conosce distanza: è digitale, integrata e flessibile, organizzato da Rete Innovazione in collaborazione con Tuttoscuola, che si è svolto presso Job&Orienta.

Dal giorno 6 novembre 2020 e fino al 3 dicembre, salvo ulteriori proroghe, nelle istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado il 100% delle attività viene svolto tramite il ricorso alla didattica digitale integrata (DDI).A queste si stanno via via aggiungendo, a seconda delle regioni, anche le classi seconde e terze della scuola secondaria di primo grado e, dove le aule vengono chiuse per motivi sanitari, anche alcune classi della scuola primaria. E gli studenti con BES? Come organizzare la DDI in un’ottica inclusiva?

blog lattes editori

S. LATTES & C. EDITORI S.p.A.

Via Confienza, 6 - 10121 Torino

Codice Fiscale e Partita Iva: 04320600010
Iscrizione Registro Imprese di Torino n. 04320600010

Capitale Sociale Euro 1.430.000 interamente versato

S. LATTES & C. EDITORI S.p.A.©