Il Digitale

Piano d'azione europeo per l'istruzione digitale 2021-2027

Cos'è il Piano d'azione europeo per l'istruzione digitale?
Già da tempo l’Unione europea è impegnata nel favorire l’adeguamento dei sistemi di istruzione e di formazione al cambiamento digitale: il primo piano di azione per l’istruzione digitale è stato presentato dalla Commissione europea il 17 gennaio 2018 e prevedeva la realizzazione di undici azioni, scriveva in un articolo del suo blog Mauro Varotto il 16 ottobre 2020.
(M. Varotto, Ripensare l’istruzione e la formazione per l’era digitale: il piano d’azione UE per l’istruzione digitale 2021-2027)

In questi ultimi anni il digitale ha subìto veloci cambiamenti, proprio a causa della pandemia, che, se da un lato, ha dato la possibilità di capire come la scuola italiana non sia ancora pronta alle nuove sfide tecnologiche, mettendo in evidenza lacune e carenze, dall’altro ha anche permesso di capire meglio quali siano gli elementi indispensabili per costruire un sistema di istruzione e formazione digitale davvero efficace.
Del resto, come si ricava dall’ultimo rapporto DESI, l’indice dell’economia e della società digitale 2020, ancora oggi 2 europei su 5 sono carenti di alfabetizzazione digitale: solo il 58,3% della popolazione dell’Unione europea, nel 2019, dispone di competenze digitali di base. Tale percentuale, in Italia, scende ad appena il 41,3%, relegandoci all’ultimo posto in Europa: la maggioranza degli italiani (3 su 5) è del tutto priva di qualsiasi competenza digitale e il digital divide con il resto dell’Europa è amplissimo.
Con riferimento in particolar modo agli insegnanti, in Italia solo il 35,6% dei docenti si sente adeguatamente preparato all’uso delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC) nell’insegnamento, rispetto a una media dei Paesi OCSE di circa il 40%.
(M. Varotto, Ripensare l’istruzione e la formazione per l’era digitale: il piano d’azione UE per l’istruzione digitale 2021-2027)

Si capisce, quindi, scrive M. Varotto nel suo blog, perché l’Unione europea abbia reimpostato la propria strategia volta a favorire l’istruzione e la formazione digitali: da febbraio a settembre del 2020, la Commissione ha lanciato una consultazione pubblica aperta, e, anche sulla base degli oltre 2.700 contributi ricevuti da scuole, università, insegnanti, enti pubblici, imprese e cittadini, ora ha definitivamente varato un nuovo piano di azione settennale, dal 2021 al 2027.
(M. Varotto, Ripensare l’istruzione e la formazione per l’era digitale: il piano d’azione UE per l’istruzione digitale 2021-2027)

Infatti, i Ministri della pubblica istruzione dell’Unione europea, nella primavera del 2020, hanno concordato una posizione e hanno definito degli indirizzi politici comuni, fondati su due semplici princìpi:
1. gli istituti di istruzione e formazione non sono semplicemente luoghi in cui le persone apprendono, insegnano e formano: sono anche ambienti sicuri, che offrono un senso di struttura e di comunità, e opportunità di socializzazione;
2. sebbene il passaggio all’insegnamento e all’apprendimento digitali abbia svolto un ruolo di primo piano nel consentire la continuità del processo di apprendimento durante il periodo della pandemia, l’istruzione digitale non può sostituirsi completamente all’insegnamento e all’apprendimento in presenza di qualità.

In tutti i documenti ufficiali della Commissione per la nascita del Piano d'azione europeo per l'istruzione digitale viene ribadito che le tecnologie digitali possono migliorare efficienza e risultati di apprendimento.
Nel 2020, dunque, la Commissione europea ha deciso di aprire un’ampia consultazione per l’istruzione digitale per monitorare ed aiutare gli Stati membri a gestire sfide e opportunità del digitale. La consultazione è stata disponibile in tutte le lingue ufficiali dell’UE e si è conclusa il 4 settembre 2020.

Ma come possiamo definire il piano d'azione europeo per l'istruzione digitale?
Il Piano d'azione per l'istruzione digitale (2021-2027) è un'iniziativa politica rinnovata dell'Unione europea (UE) volta a sostenere l'adeguamento sostenibile ed efficace dei sistemi di istruzione e formazione degli Stati membri dell'UE all'era digitale.
(Piano d'azione per l'istruzione digitale 2021-2027)

Il Piano d’azione offre una visione strategica a lungo termine per un’istruzione digitale europea di alta qualità, inclusiva e accessibile, con un approccio “resiliente” e “flessibile” per adeguarsi rapidamente alle sfide. Tutto ciò tenendo conto degli insegnamenti tratti dalla pandemia per strutturare una strategia per un ecosistema altamente efficiente di istruzione digitale con un potenziamento delle competenze digitali per compiere la trasformazione digitale.
(https://www.cnos-fap.it/node/66139)

Inclusione e accessibilità sono proprio le due parole chiave per costruire, con una visione strategica a lungo termine, un’istruzione digitale europea di alta qualità, inclusiva e accessibile a tutti.
Naturalmente, per realizzare tutto ciò, tutti i Paesi europei dovranno avere le competenze indispensabili per affrontare le sfide future … e, considerando che la pandemia ha creato disuguaglianze e lacune, questa diventa la nuova missione che l’Europa deve affrontare al più presto.
Infatti, la pagina del sito UE dedicata al Piano d’azione ribadisce che la trasformazione digitale ha trasformato la società e l’economia, con ripercussioni sempre più profonde sulla vita quotidiana. Tuttavia, fino alla pandemia di Covid-19, il suo impatto sull’istruzione e sulla formazione è rimasto molto più limitato. La pandemia ha dimostrato che è essenziale disporre di un sistema di istruzione e formazione adatto all’era digitale. E ha fatto emergere la necessità di livelli più elevati di capacità digitale nell’istruzione e nella formazione, ma ha anche amplificato una serie di sfide e disuguaglianze esistenti tra chi ha accesso alle tecnologie digitali e chi ne è privo, compresi quanti provengono da contesti svantaggiati.
(Piano d'azione per l'istruzione digitale 2021-2027)

Inoltre, il Piano digitale, oltre a diffondere numerose iniziative innovative, coinvolgerà soprattutto molti giovani e costituirà certamente un elemento importante nel quadro del più ampio obiettivo della Commissione di creare uno spazio europeo dell'istruzione ad integrazione delle Raccomandazioni europee sui valori comuni e sulle competenze chiave. Anche perché, se l'istruzione è chiamata ad essere la struttura portante della crescita e dell'inclusione nell'UE, è essenziale preparare i cittadini a sfruttare al massimo le opportunità e ad affrontare le sfide poste da un mondo globalizzato, interconnesso e in rapida evoluzione.

A cura di Viviana Rossi e Maria Enrica Bianchi 

Biblio-sitografia
• M. Varotto, Ripensare l’istruzione e la formazione per l’era digitale: il piano d’azione UE per l’istruzione digitale 2021-2027 
• Piano d'azione per l'istruzione digitale 2021-2027
• www.cnos-fap.it
• Piano d’azione per l’istruzione digitale 2021-2027 – Un approccio strategico all’educazione digitale
• Digital Education Action Plane


 

istruzione digitale, competenze digitali

blog lattes editori

S. LATTES & C. EDITORI S.p.A.

Via Confienza, 6 - 10121 Torino

Codice Fiscale e Partita Iva: 04320600010
Iscrizione Registro Imprese di Torino n. 04320600010

Capitale Sociale Euro 1.430.000 interamente versato

S. LATTES & C. EDITORI S.p.A.©